Culturale

0
72

L’espressione arte islamica o arti islamiche[1] comprende le arti prodotte a partire dall’Egira (622 dell’era cristiana) fino al XIX secolo da artisti (non necessariamente musulmani), che hanno vissuto in territori culturalmente legati alla religione dell’Islam.[2][3] Essa riguarda ambiti assai vari, dall’architettura alla calligrafia, dalla pittura all’arte ceramica, ecc.

Inizialmente l’arte islamica si è ispirata a quella bizantina, a quella romana, a quella paleocristiana, a quella persiana ed a quella cinese. Fin dall’inizio l’arte islamica pratica l’astrazione e la stilizzazione delle forme che appartengono agli esseri viventi, sforzandosi di descrivere i valori spirituali dell’uomo; evita il naturalismo, che include nella tradizione occidentale l’uso dello spazio tridimensionale, della prospettiva e della modellistica della figura umana in luci e ombre.

Può essere suddivisa in vari periodi storici:[4]

quello iniziale detto degli Omayyadi (660-750);
quello medio degli Abbasidi e quello della dinastia dei turchi Selgiuchidi (1100);
quello dei Safavidi (1600);
quello della rinascita dell’arte sotto gli Ottomani.
L’arte islamica è tipicamente focalizzata sulla riproduzione della calligrafia araba. Più di rado essa si dedica a figure umane: ciò è dovuto alla sensibilità religiosa dei musulmani, timorosi che alla riproduzione delle forme umane possa corrispondere il peccato di idolatria contro Allah, proibito dal Corano, e che nell’arte come imitazione della natura si possa intravedere il tentativo di copiare l’opera dello stesso Allah. Tale sensibilità ebbe importanti effetti anche sull’arte cristiana: in particolare, a ridosso della predicazione di Muhammad, sorse l’eresia pauliciana, che più tardi avrebbe rappresentato l’antesignana dell’iconoclastia. Come si dirà meglio tra poco, non è però vero che l’arte islamica rifiuti in assoluto la rappresentazione delle figure umane, essendo tale limitazione valida soprattutto nei luoghi e nelle opere di tipo religioso e meno in quelli di carattere “profano”.

wikipedia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui